Scrivi
Grandi Giardini Italiani
Giardino di Palazzo Cocozza di Montanara
Scrivi per avere informazioni. Tutti i campi sono obbligatori

PRIVACY POLICY
Grandi Giardini Italiani, in qualità di Titolare del trattamento, ti informa che questo modulo invia i dati "E-mail" e "Richiesta" da te inseriti direttamente ai responsabili del Giardino da te scelto. Tali dati non vengono archiviati dal Titolare del trattamento e hanno la sola finalità di fornire il servizio di contatto. Cliccando sul bottone "Invia" confermi di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati e autorizzi i responsabili del Giardino scelto a contattarti tramite e-mail.

Invia

Cerca
Grandi Giardini Italiani
Ricerca nel sito
Cerca un termine in Giardini
Giardini
English Version

Giardino di Palazzo Cocozza di Montanara

Caserta

Accessibile ai disabili
Acquista il biglietto
Adatto a famiglie
Parcheggio
Wi-Fi Area
Giardino storico
In Nome della Rosa
Rosa Grandi Giardini Italiani
ScopriGallery

© Grandi Giardini Italiani

Orari di apertura

Stagione 2020
Dal 13 Giugno al 18 Ottobre solo con visita guidata per gruppi (max 10 persone) e su prenotazione tutte le domeniche alle ore 11.00.

Ingresso

Intero: € 5

Il Giardino di Palazzo Cocozza di Montanara a Caserta nel borgo medievale di Piedimonte di Casolla, dopo una storia che dal ‘500 lo vide come luogo produttivo di orti e coltivazione della canapa, assunse un aspetto paesaggistico da quando la marchesa Luisa Cocozza di Montanara nella seconda metà dell' ‘800 scelse di intervenire nel giardino con uno stile creativo.
L'acqua che scorre e scroscia in tutta la sua estensione è la trama sorgiva che anima e illumina di incanto e grazia questo luogo, non tanto come completamento ma come disegno fondativo della sua origine. Fin da quando, provenendo dall'acquedotto Carolino e transitando da questo giardino, si raccoglieva in una grande vasca di tufo da cui si diramava poi in undici fontane, come tuttora accade. Giardino di rose “Ronsard” che l'illusione visiva sembra far uscire da antiche coppe di agapanti azzurri ai piedi degli aranci, di lecci, di Phoenix Canariensis, di cedri e pini, melograni e siepi fiorite, manufatti di tufo, di pietre e fregi nella mescolanza di substrato storico in cui si innesta il mediterraneo giardino romantico e la rivisitazione contemporanea del paesaggista inglese Peter Curzon.

Una lieve base formale è sottesa al giardino cui si accede percorrendo i cinque livelli terrazzati e i vialetti. Gli aranci con varie bordure, Abelia, Anemone japonica e Leonotis leonurus di colore arancio, nel giardino affiancano alla bellezza il segno del produttivo. Il viale di melograni poco sopra è il sogno, creato come spazio raccolto, riparato allo sguardo da un fondale topiario di Laurus nobilis e una vasca settecentesca di marmo bianco.

Il giardino fu scelto da Pier Paolo Pasolini nel 1970 come set per ambientarvi una novella di Boccaccio, ''Caterina e l'usignolo'', per il film “Decameron''. Gli era apparso come un Eden sospeso tra eros e innocenza.
Acquista i biglietti
Acquista direttamente su Tiqets i biglietti per questo giardino.

Giardini
nelle vicinanze

Scopri:
cosa fare,
dove mangiare,
dove dormire

Città
nelle vicinanze

Iscriviti alla nostra newsletter

Termini e condizioni

Iscrizione alla Newsletter

18.214.23.30 - Sat Dec 5 05:07:31 2020 (UTC Time)
Privacy Policy