Scrivi
Grandi Giardini Italiani
Giardini di Villa Melzi d'Eril
Scrivi per avere informazioni. Tutti i campi sono obbligatori

INFORMATIVA SULLA PRIVACY
Grandi Giardini Italiani, in qualità di Titolare del trattamento, ti informa che i dati che fornirai saranno utilizzati solo per i soli fini di contatto che hai richiesto. Cliccando sul bottone "Invia" autorizzi il titolare del trattamento ed i responsabili del Giardino scelto a contattarti tramite i canali da te forniti. Potrai esercitare i diritti previsti ai sensi del d.lgs.196/03 (Codice in Materia di Protezione dei Dati Personali).

Cerca
Grandi Giardini Italiani
Ricerca nel sito
Cerca un termine in Giardini
Giardini
Go to English Version

Giardini di Villa Melzi d'Eril

Bellagio, Como

Accessibile ai disabili
Animali domestici accettati
Pernottamento
ScopriVideo

Contatto

Via Lungolario Manzoni
22021 Bellagio (CO)

Ingresso da Bellagio o Loppia (via Lago)

Mobile. +39 339 4573838
fax. +39 031 950318

Coordinate GPS:
Latitudine: 45.978921
Longitudine: 9.253073

Sito Web

Scrivi al giardino

Visualizza la mappa

Aperture

Dal 25 marzo a fine ottobre
tutti i giorni dalle ore 9.30 alle 18.30

Il Giardino partecipa all'iniziativa
"I Boschi Incantati di Husqvarna"

Costi

Intero € 6,50
Sconto comitive € 5,00
Scolaresche € 4,00
Bambini sotto i 12 anni entrata gratuita

Entrata per 2 giorni € 8,00

Abbonamento stagionale € 50,00

Visite guidate su prenotazione

Come arrivare
In Auto
Da Como: SS583 in direzione Bellagio
Da Lecco: SS583-SP583 in direzione Bellagio
Parcheggio in Lungolario Manzoni o a Loppia

In treno
Utilizzare la linea ferroviaria Trenitalia o Le Nord per i collegamenti dalla Svizzera o da Milano per Como. Proseguire via battello o via pullman
Per informazioni: www.fsitaliane.it
In Battello
Utilizzare la rete di navigazione del Lago di Como, fermata Bellagio
Per informazioni: www.navigazionelaghi.it

In Pullman
Dal piazzale della stazione di Como partono autobus della linea Asf Autolinee Srl che collegano la città a Bellagio
Per informazioni: www.asfautolinee.it
Cenni storici
Francesco Melzi d'Eril, duca di Lodi, vicepresidente della Prima Repubblica Italiana e amico personale di Napoleone, decise ai primi dell'Ottocento di realizzare la residenza estiva a Bellagio, in un sito dall'incomparabile vista e dal clima mite,che volle elegante come la Villa Reale di Monza e le ville sul lago di Como. Se ne occupò Giocondo Albertolli, architetto di fiducia anche per il palazzo di Milano, mentre il parco venne affidato a Luigi Canonica e all'agronomo Luigi Villoresi, realizzatori del Parco di Monza.

Eretta in forme neoclassiche tra il 1808 e il 1810, con le sue proporzioni la villa si integra nel secondo promontorio di Bellagio in modo elegante.

Il maggiore fascino della proprietà risiede nello straordinario parco affacciato sul lago e negli espedienti adottati per dilatare otticamente lo spazio, in realtà angusto, tra l'incipiente collina (a sua volta parco monumentale) e lo specchio d'acqua.
Ad accogliere il visitatore un laghetto di ninfee, poco oltre un chiosco in stile moresco con incantevole veduta su Bellagio e, di fronte, il monumento a Dante e Beatrice del Comolli, che pare abbia ispirato la Sonata a Dante di Liszt. Lungo il lago e accanto a uno splendido esemplare di Pinus Montezuma trova posto un'antica statua egizia della dea Pacht insieme ad altre provenienti dalla campagna d'Egitto di Napoleone.

La passeggiata del viale dei platani, potati bassi con maestria ad ombrello, termina nel vasto terrazzo antistante la villa, incorniciato da antiche e pregevoli statue. La cappella di famiglia, anch'essa progettata dall'Albertolli, delimita il giardino con i suoi splendidi monumenti neoclassici.

Nel parco piante esotiche e rare si alternano ad alberi secolari, gigantesche siepi di camelie, rododendri e azalee. Tra le piante più preziose si ricordano Liriodendron tulipifera, cedri del Libano, faggi rossi, canfore, Ginkgo biloba; altre ancora, di valore botanico e storico, sono cartellinate per aggiungere interesse alla visita.

La vecchia serra aranciera a lato della villa è ora adibita a museo di cimeli e stampe della prima Repubblica Italiana.

Villoresi Luigi

Architetto del paesaggio.

(1779-1823)
Agrimensore e botanico, fu un'importante figura del paesaggismo e soprattutto della ricerca botanica d'inizio Ottocento. Prefetto del Parco e dei Giardini di Villa Reale di Monza (1812-1825), che egli progettò con l'architetto Luigi Canonica fra il 1805 e il 1810, fu effettivamente uno dei migliori progettisti lombardi di giardini ‘all'inglese'. Fu anche autore del Catalogus plantarum in hortis Regiae Villae prope Modoetiam (1813). Tra i suoi interventi, vanno ricordati il Giardino della Villa Melzi d'Eril a Bellagio (ancora con l'arch. Luigi Canonica), e la ristrutturazione informale del Giardino di Villa S. Francesco a Biumo Superiore di Varese.
Foto
Pernottamento
Possibilità di alloggiare negli ''Appartamenti i Giardini di Villa Melzi'' nei pressi della struttura.
Per informazioni e prenotazioni contattare la Signora Ornella ai seguenti recapiti:
Mob. +39 339 221 4394 - Email info@bellagiowelcome.com

Argomenti & Prossimi eventi

ARGOMENTO
I BOSCHI INCANTATI DI HUSQVARNA
Il fascino del foliage in 33 Grandi Giardini Italiani

ARGOMENTO
Secret Gardens
Scopri il meraviglioso mondo dei Grandi Giardini Italiani Segreti!

Altri
Giardini
nelle vicinanze

Scopri
cosa fare,
dove mangiare,
dove dormire

Quali città vedere
qui vicino

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti
Informativa sulla privacy

Grandi Giardini Italiani, in qualità di Titolare del trattamento, ti informa che i dati che fornirai saranno utilizzati solo per trasmetterti via email la newsletter che hai richiesto. Cliccando sul bottone "Iscriviti" autorizzi il titolare del trattamento ad inviarti la Newsletter. Potrai esercitare i diritti previsti all'art. 7 D.Lgs.196/2003 ed in particolare chiedere in qualsiasi momento la cancellazione cliccando sul link apposito presente in ogni Newsletter.