Scrivi
Grandi Giardini Italiani
Vistorta – Villa Brandolini d’Adda
Scrivi per avere informazioni. Tutti i campi sono obbligatori

PRIVACY POLICY
Grandi Giardini Italiani, in qualità di Titolare del trattamento, ti informa che questo modulo invia i dati "E-mail" e "Richiesta" da te inseriti direttamente ai responsabili del Giardino da te scelto. Tali dati non vengono archiviati dal Titolare del trattamento e hanno la sola finalità di fornire il servizio di contatto. Cliccando sul bottone "Invia" confermi di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati e autorizzi i responsabili del Giardino scelto a contattarti tramite e-mail.

Invia

Cerca
Grandi Giardini Italiani
Ricerca nel sito
Cerca un termine in Giardini
Giardini
English Version

Vistorta – Villa Brandolini d’Adda

Sacile, Pordenone

Accessibile ai disabili
Adatto a famiglie
Degustazione vini
Dog Friendly
Parcheggio
Giardino paesaggistico
ScopriGallery

© Grandi Giardini Italiani

Orari di apertura

***Chiusura straordinaria fino al 3 dicembre***

Su prenotazione dal 27 Giugno 2020

EVENTI
Cinemadivino, Luglio 2020

Ingresso

Visita guidata: € 10

Possibilità di degustazioni per gruppi di minimo 10 persone, su richiesta

Come arrivare
In macchina
Da Nord: Autostrada A4 Torino-Trieste direzione Trieste. Proseguire su A27 direzione Belluno, uscire a Conegliano per A28 verso Portogruaro. Continua su A28 Portogruaro - Conegliano/A28. Prendi l'uscita Sacile Ovest verso Sacile Ovest. Svolta a sinistra allo svincolo e prosegui in direzione di Strada Vistorta per circa 2,6 km. Alla rotonda prendi la 1ª uscita e prendi Strada Vistorta fino all'arrivo.

In Treno
Dalla Stazione di Venezia Centrale treno regionale per Udine, fermata Conegliano. Proseguire su Bus n.153 Sacile - ITC fermata Cornadella (29 fermate, 45 minuti circa). Poi a piedi per circa 2km fino all'arrivo
Info biglietti e orari: Trenitalia e Mobilità di Marca

In Aereo
Aeroporto di Venezia Marco Polo: 66 km
Storia
Vistorta è un antico borgo rurale di origini medievali, testimoniate da una colombaia del XII secolo e una piccola cappella adiacente del XIV secolo. L'area sulla quale sorge ora la Villa ottocentesca fu acquisita attorno al 1780 dalla famiglia Brandolini tramite unione con la casata Rota. Fu Guido Brandolini Rota che, nel XIX secolo, iniziò a realizzare a Vistorta una moderna ed efficiente azienda agricola dedita alla coltivazione di cereali, del baco da seta ed alla produzione di vini già allora molto rinomati.
Nel 1872 termina la costruzione della Villa, della grande barchessa e delle scuderie, che fanno da cornice al parco, delimitato da un quadrilatero di mura in pietra con le originarie quattro torrette di ispirazione romantica.
Il parco inizia la sua vita a inizio Novecento con le prime piantumazioni. Tigli, querce, magnolie, faggi, olmi, taxodio, abeti, cedri, vengono piantati con una configurazione ricorrente nei giardini veneti e friulani a cavallo tra il Settecento e l'Ottocento.

A partire dal secondo dopoguerra il Conte Brando Brandolini d'Adda inizia un'importante ristrutturazione della Villa di ispirazione neoclassica affiancato dall'architetto scenografo e grande amico, Renzo Mongiardino.
Nel 1965 il conte Brando e la contessa Cristiana affidarono al paesaggista inglese Russell Page la riorganizzazione e l'ampliamento del parco: gli alberi centenari vennero affiancati da rare essenze.
In tre anni lo trasformò creando «un grande parco romantico e naturalistico nella tradizione del giardino russo dell'Ottocento». Un parco elegante ma sobrio, romantico ma senza affettazioni, con i suoi specchi d'acqua originati da acque risorgive, boschetti di conifere, latifoglie e la ritrovata centralità della Villa. Gli splendidi esemplari di rose e orchidee rare, coltivati nel parco e nella serra, accompagnano la bellezza della Villa anche al suo interno, proprio come si usava un tempo.

Attualmente l'azienda agricola coltiva, a conduzione biologica, 200 ettari e produce vino e cereali con grande attenzione alla conservazione della biodiversità.

Russell Page

Architetto del paesaggio.

(1906 – 1985)
Paesaggista inglese; dopo aver studiato presso la School of Art di Londra, a Parigi si dedicò alla pittura, ritraendo soggetti botanici dai quali si sentiva particolarmente attratto. I suoi primi lavori, presso lo studio di un paesaggista, riguardarono infatti l'arredo verde di alcuni quartieri londinesi; poco dopo riuscì a lavorare per il famoso Geoffrey Jellicoe. Con lui progettò, fra l'altro, il Royal Lodge a Windsor e i giardini di Ditchley. Dopo la seconda Guerra mondiale, prese a lavorare a livello internazionale, ispirandosi però a Gertrude Jekyll, con un senso pittorico del paesaggio del tutto personale. Fra i suoi lavori, oltre all'allestimento temporaneo delle celebri ‘Floralies' di Parigi del 1957, vanno ricordati: il Parco dei daini di Longleat, i Patino Gardens, William S. Paley Gardens di New York e, in Italia, Palazzo Colonna di Roma, S. Liberato, La Mortella e La Landriana. Il suo libro The Education of a Gardener (1962) è diventato un classico della letteratura del giardinaggio.

Giardini
nelle vicinanze

Scopri:
cosa fare,
dove mangiare,
dove dormire

Città
nelle vicinanze

Iscriviti alla nostra newsletter

Termini e condizioni

Iscrizione alla Newsletter

18.214.23.30 - Sat Dec 5 06:03:36 2020 (UTC Time)
Privacy Policy