Scrivi
Grandi Giardini Italiani
Giardino Barbarigo Pizzoni Ardemani
Scrivi per avere informazioni. Tutti i campi sono obbligatori

INFORMATIVA SULLA PRIVACY
Grandi Giardini Italiani, in qualità di Titolare del trattamento, ti informa che i dati che fornirai saranno utilizzati solo per i soli fini di contatto che hai richiesto. Cliccando sul bottone "Invia" autorizzi il titolare del trattamento ed i responsabili del Giardino scelto a contattarti tramite i canali da te forniti. Potrai esercitare i diritti previsti ai sensi del d.lgs.196/03 (Codice in Materia di Protezione dei Dati Personali).

Cerca
Grandi Giardini Italiani
Ricerca nel sito
Cerca un termine in Giardini
Giardini
Go to English Version

Giardino Barbarigo Pizzoni Ardemani

Valsanzibio di Galzignano Terme, Padova

Accessibile ai disabili
Animali domestici accettati
Bookshop
Giardino storico
GalleryScopriVideo

Aperture

Il giardino è aperto tutti i giorni dall’ultimo fine settimana di Febbraio al secondo fine settimana di Dicembre, dalle 10.00 del mattino al tramonto (orario che cambia nell'arco dell'anno).

Dal lunedì al venerdì la biglietteria chiude dalle 13.00 e alle 14.00

Orario continuato nel fine settimana e nei festivi.

Costi

Intero: € 11,00
Riduzione gruppi: € 9,00
Ragazzi fino a 14 anni: € 6,50

Visita guidata - di più tipologie - a parte

Cenni storici
Valsanzibio fu portato allo splendore nella seconda metà del Seicento dal nobile veneziano Zuane Francesco Barbarigo e dal figlio Antonio. Il primogenito Gregorio, cardinale e futuro santo, ispirò la simbologia del monumentale impianto dell'architetto pontificio Luigi Bernini. Settanta statue in buona parte dovute al Merengo ed altrettante sculture minori si integrano ad architetture, cascate, fontane, scherzi d'acqua su 15 ettari nella natura intatta dei colli.

L'itinerario salvifico inizia col paganeggiante portale di Diana. Un tempo vi si giungeva in barca attraverso la valle da pesca di Sant'Eusebio (da cui ValSanZibio), ora limitata a vestigia. Varcato l'ingresso si costeggia il Bagno di Diana, la fontana dell'iride e la peschiera dei Venti; indi si percorre il Gran Viale con statue, fontane e scherzi e la scalinata delle Lonze.

Si raggiunge così il piazzale della villa dove 8 figure allegoriche fanno corona alla fontana dell'Estasi, meta finale del simbolico itinerario. Fiancheggiano tale percorso il Palazzo di Verzura, un labirinto di bossi ed il romitorio.

A ovest del Gran Viale un isolotto, con decine di variopinti conigli, è forse l'unica garenna di ispirazione antico-romana oggi esistente. Su un'altura a est del Viale è collocato, fulcro del cammino salvifico, il monumento al Tempo.

Il complesso, integro nelle componenti architettoniche, scultoree e persino vegetali grazie ai Barbarigo fino al 1804, è poi passato al patrizio veneziano Marco Antonio Michiel, dal 1835 ai conti Martinengo da Barco, poi ai conti Donà delle Rose e dal 1929 ai nobili Pizzoni Ardemani, attuali proprietari. Dopo aver riparato i gravi danni dell'occupazione militare dell'ultima guerra, essi hanno di recente ripristinato sorgenti, cisterne, canalizzazioni ed invasi restituendo splendore alle 16 fontane, 4 peschiere, 3 scherzi d'acqua e ad altri 10 fra ruscelli, laghetti e polle.
Come arrivare
In auto
Autostrada A13 Bologna-Padova uscita Terme Euganee. Continua su Via Mincana/Strada Provinciale 9/SP9 fino alla tua destinazione a Valsanzibio
Eventi del Network
Il Giardino partecipa all'iniziativa
''I Boschi Incantati di Husqvarna''



Argomenti & Prossimi eventi

ARGOMENTO
I BOSCHI INCANTATI DI HUSQVARNA
Il fascino del foliage in 33 Grandi Giardini Italiani

29
/07

TERMINA IL 30 LUGLIO 2017
IL PRATO INFINITO
Passeggiata teatrale a cura della innovativa compagnia padovana Auló teatro

Altri
Giardini
nelle vicinanze

Scopri
cosa fare,
dove mangiare,
dove dormire

Quali città vedere
qui vicino

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti
Informativa sulla privacy

Grandi Giardini Italiani, in qualità di Titolare del trattamento, ti informa che i dati che fornirai saranno utilizzati solo per trasmetterti via email la newsletter che hai richiesto. Cliccando sul bottone "Iscriviti" autorizzi il titolare del trattamento ad inviarti la Newsletter. Potrai esercitare i diritti previsti all'art. 7 D.Lgs.196/2003 ed in particolare chiedere in qualsiasi momento la cancellazione cliccando sul link apposito presente in ogni Newsletter.