Scrivi
Grandi Giardini Italiani
Palazzo Gromo Losa
Scrivi per avere informazioni. Tutti i campi sono obbligatori

INFORMATIVA SULLA PRIVACY
Grandi Giardini Italiani, in qualità di Titolare del trattamento, ti informa che i dati che fornirai saranno utilizzati solo per i soli fini di contatto che hai richiesto. Cliccando sul bottone "Invia" autorizzi il titolare del trattamento ed i responsabili del Giardino scelto a contattarti tramite i canali da te forniti. Potrai esercitare i diritti previsti ai sensi del d.lgs.196/03 (Codice in Materia di Protezione dei Dati Personali).

Invia

Cerca
Grandi Giardini Italiani
Ricerca nel sito
Cerca un termine in Giardini
Giardini
Go to English Version

Palazzo Gromo Losa

Biella

Giardino moderno
GalleryScopriVideo

Orari di apertura

Aperto in concomitanza delle mostre organizzate nel palazzo
Su prenotazione durante il resto dell'anno

Ingresso

Solo Giardino: 2,50 euro
Gratuito per persone disabili e accompagnatore, under 25, Soci FAI e Touring Club Italiano, studenti universitari

In occasione di mostre il costo del biglietto d'ingresso potrà subire variazioni

Come arrivare
In auto
La stazione ferroviaria di Biella è Biella S. Paolo.
I principali collegamenti alla città si effettuano da Torino e Milano con cambio a Santhià o Novara.
Per raggiungere Torino Porta Nuova e viceversa ci si impiega indicativamente 1h20
Per raggiungere Milano Centrale e viceversa ci si impiega indicativamente 1h50
Per maggiori informazioni su orari e tariffe consultare il sito delle Ferrovie dello Stato www.trenitalia.com

In aereo
Aeroporto di TORINO CASELLE: sito web www.aeroportoditorino.it
Aeroporto di MILANO MALPENSA: sito web www.milanomalpensa-airport.com
Cenni storici
Il giardino all'italiana di Palazzo Gromo Losa costituisce il cuore dello splendido palazzo storico acquistato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Biella e completamente ristrutturato per ospitare attività di carattere culturale e sociale tra cui “Selvatica - Arte e Natura in Festival”.
Inaugurato nel 2012 insieme al Palazzo, il giardino è stato realizzato anche grazie al contributo del mecenate biellese Emanuele Rosa e occupa una superficie di circa 5.500 mq, cui vanno aggiunti la corte centrale, l'area alberata orientale e un pendio boschivo per un totale di oltre 11.800 mq; si tratta di un parco giardino ispirato ai criteri del giardino “all'italiana” progettato dall'architetto paesaggista Ermanno Pozzi. Il grande prato, tagliato da un pergolato già esistente, è stato suddiviso in parti regolari bordate da basse siepi di bosso. Bacini d'acqua mossi da getti schiumeggianti sono stati collocati al centro di ogni aiuola. Siepi di rose monocromatiche assicurano una fioritura costante da maggio a novembre. Un tunnel di carpini chiude il lato settentrionale del parterre e invita a una piacevole passeggiata all'ombra.
A sud il piano è delimitato da una siepe parapetto, accompagnata da un filare di Prunus subhirtella, che fiorisce in inverno e all'inizio della primavera. Nel pendio sottostante è stata piantata una fila sfalsata di Cornus florida, mentre al di sopra del muro inferiore campeggiano cipressi toscani ben distanziati. Le essenze arboree preesistenti sono state rispettate, in particolare un ciliegio monumentale che accoglie sotto le sue fronde numerosi concerti nell'ambito della varie manifestazioni culturali che punteggiano la vita del Palazzo. Tutto il giardino dialoga poi con gli spazi espositivi di Palazzo Gromo Losa e con le opere d'arte che periodicamente vi vengono ospitate

Argomenti & Prossimi eventi

ARGOMENTO
Rose
Le rose sono la tua passione? Scopri nuovi giardini in cui ammirarle, itinerari dedicati e tante curiosità!

Altri
Giardini
nelle vicinanze

Scopri
cosa fare,
dove mangiare,
dove dormire

Quali città vedere
qui vicino

Iscriviti alla nostra newsletter

Informativa sulla privacy

Grandi Giardini Italiani, in qualità di Titolare del trattamento, ti informa che i dati che fornirai saranno utilizzati solo per trasmetterti via email la newsletter che hai richiesto. Cliccando sul bottone "Iscriviti" autorizzi il titolare del trattamento ad inviarti la Newsletter. Potrai esercitare i diritti previsti all'art. 7 D.Lgs.196/2003 ed in particolare chiedere in qualsiasi momento la cancellazione cliccando sul link apposito presente in ogni Newsletter.