Scrivi
Grandi Giardini Italiani
Castello di San Pelagio
Scrivi per avere informazioni. Tutti i campi sono obbligatori

INFORMATIVA SULLA PRIVACY
Grandi Giardini Italiani, in qualità di Titolare del trattamento, ti informa che i dati che fornirai saranno utilizzati solo per i soli fini di contatto che hai richiesto. Cliccando sul bottone "Invia" autorizzi il titolare del trattamento ed i responsabili del Giardino scelto a contattarti tramite i canali da te forniti. Potrai esercitare i diritti previsti ai sensi del d.lgs.196/03 (Codice in Materia di Protezione dei Dati Personali).

Cerca
Grandi Giardini Italiani
Ricerca nel sito
Cerca un termine in Giardini
Giardini
Go to English Version

Castello di San Pelagio

Due Carrare, Padova

Accessibile ai disabili
Adatto a famiglie
Animali domestici accettati
Parcheggio
Ristorazione
Wi-Fi Area
Giardino storico
GalleryScopriVideo

Contatto

Via San Pelagio, 34
35020 Due Carrare (PD)

Tel. +39 049 9125008
Mobile +39 346 8074078
Fax +39 049 9125773


Coordinate GPS:
Latitudine: 45.314277
Longitudine: 11.821863

Sito Web

Scrivi al giardino

Visualizza la mappa

Aperture

Gennaio - Febbraio
domenica e festivi 10.00 - 17.00

da Marzo a Novembre
giovedì, venerdì e sabato
10.00 - 13.00 / 14.30 - 18.30
domenica e festivi 10.00-19.00
visita guidata alle 11 e alle 16

Dicembre
domenica e festivi 10.00 - 17.00

Apertura su prenotazione
Per singoli con visita guidata obbligatoria: tutti i giorni
Per scuole e gruppi di minimo 25 persone: tutti i giorni

Eventi
Family Lab, tutte le domeniche da marzo a novembre
Caccia al Tesoro botanico, 17 Aprile 2017
Raduno gruppi medievali, 22 Aprile 2017
Anniversario Volo su Vienna, 9 Agosto 2017

Costi

Biglietto unico per Parco e Castello Museo
Intero: € 10,00
Ridotto (5-12 anni): € 6,00
Famiglia (2+2): € 30,00
Gruppi: € 6,00
Scuole: € 4,00/5,00

Visite guidate al Museo e/o al Parco su prenotazione
Visita guidata al Museo (50 minuti c/a – max 40 persone) € 35.00
Visita guidata al Parco (50 minuti c/a – max 40 persone) € 30.00

Come arrivare
In auto
Da Milano: Autostrada A4 Torino-Trieste, uscita Padova Ovest. Entra in SS47 Padova/Vicenza/Selvazzano e poi prendi SR47 e prosegui per circa 3,5 km fino all'uscita 8 verso Padova/Via Adriatica. Proseguire dritto fino alla rotonda, 2° uscita per immettersi su SS16. Prosegui per circa 6 km circa poi svolta a sinistra su SP30. Prosegui per circa 600mt poi svolta a destra e prendi Via di San Pelagio fino al Castello.
Da Bologna: Autostrada A13 Bologna-Padova uscita Terme Euganee. Mantieni la sinistra al bivio, segui le indicazioni per Battaglia Terme, e prosegui per circa 6 km su SS16 fino all'arrivo al Castello di San Pelagio.

In aereo
Distanza dall'Aeroporto di Venezia: 64 Km
Cenni storici
L'impronta che nel 1700 l'avo Roberto Zaborra ha dato ai giardini è ancora leggibile. Fu lui ad introdurre lati sorprendenti e bizzarri che, puntando sull'elemento naturale, cercavano un'armonia di rapporti con il paesaggio. Il giardino di rappresentanza, con 200 varietà di rose, circa 1000 esemplari, nasce da un'appassionata ricerca trentennale in tutta Europa. L'inserimento è avvenuto con criteri precisi e coerentemente con la destinazione attuale del Castello. Un chiaro esempio è la rosa Aviateur Blériot, dedicata al trasvolatore della Manica del 1909.

Attorno alla vasca centrale con ninfee si notano cespugli di yucca, gruppi di peonie arboree 'Hana Kisoi' e una notevole profusione di rose inglesi.

Il Giardino Segreto è ricco di cipressi, tassi, tigli secolari, una lagestroemia ultracentenaria, un vecchio diospiro dall'intensa produzione di frutti, viburni, ibischi, oleandri, la lippia citiodora, clematidi, gelsomini, lavanda, passiflora e ancora rose.

Dal giardino di rappresentanza ci si incammina lungo la carpinata, un viale di carpini centenari potati a tunnel. Dalla sua sommità si gode il panorama dell'antica peschiera e del campo da cui la mattina del 9 agosto 1918, D'Annunzio e la squadriglia della Serenissima, partirono per il famoso Volo su Vienna.

Due i labirinti verdi esistenti: il “Labirinto del Minotauro” che cita il mito di Icaro e quindi la storia del volo, tema del museo, e il labirinto del “Forse che si forse che no”, che ricorda nel nome il famoso romanzo dannunziano. Nel marzo 2013, è stato inaugurato il terzo Labirinto dedicato all'Africa con la sua botanica ed i suoi miti del volo.

Oggi la Villa è Museo del Volo e nei suoi giardini ha trovato posto il “Viale degli Eroi” dove vengono messe a dimora “piante aeronautiche” come l'alloro che, dedicato a D'Annunzio, ne ricorda la grande opera poetica, il frassino dedicato al conte da Schio che usava nella costruzione dei suoi dirigibili e molti altri.

Argomenti & Prossimi eventi

ARGOMENTO
Ristorazione

ARGOMENTO
Rose
Le rose sono la tua passione? Scopri nuovi giardini in cui ammirarle, itinerari dedicati e tante curiosità!

ARGOMENTO
Secret Gardens
Scopri il meraviglioso mondo dei Grandi Giardini Italiani Segreti!

Altri
Giardini
nelle vicinanze

Scopri
cosa fare,
dove mangiare,
dove dormire

Quali città vedere
qui vicino

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti
Informativa sulla privacy

Grandi Giardini Italiani, in qualità di Titolare del trattamento, ti informa che i dati che fornirai saranno utilizzati solo per trasmetterti via email la newsletter che hai richiesto. Cliccando sul bottone "Iscriviti" autorizzi il titolare del trattamento ad inviarti la Newsletter. Potrai esercitare i diritti previsti all'art. 7 D.Lgs.196/2003 ed in particolare chiedere in qualsiasi momento la cancellazione cliccando sul link apposito presente in ogni Newsletter.