Cerca
Grandi Giardini Italiani
Ricerca nel sito
Cerca un termine in Giardini
Articoli
Grandi Giardini Italiani
TwitterFacebook

Scopri gli 8 nuovi Grandi Giardini Italiani

Il network d'eccellenza che riunisce i più bei giardini visitabili d'Italia!

Villa Parravicini Revel (Como), Parco Sola Cabiati (Gorgonzola, MI), Parco di Villa Annoni (Cucciono, MI), Villa Grock (Imperia), Parco di Villa Ormond (Sanremo, IM), Parco delle Terme di Levico (Levico Terme, TN), Giardino della Rosa (Ronzone, TN), Casa Cuseni (Taormina, ME): sono gli 8 nuovi splendidi parchi entrati a far parte del network di Grandi Giardini Italiani!

Una conquista non solo per Grandi Giardini Italiani, il network dei più bei giardini visitabili in Italia, ma per l'Horticultural Tourism, un settore in costante crescita che vede protagonisti proprio i giardini all'italiana. Un trend turistico che, nel 2015, ha registrato oltre 8 milioni di visitatori solo nel network dei Grandi Giardini Italiani e più di 700 eventi l'anno che hanno coinvolto 120 giardini aderenti alla rete e ben 12 province italiane.

Andiamo a scoprirli insieme.
Villa Parravicini Revel
Villa Parravicini Revel è una maestosa villa in stile neoclassica affacciata sulla sponda del lago di Como. Il suo splendido giardino all'italiana, con verdissime oasi circoscritte da siepi di bosco, fu abitata nel '700 dalla famiglia Rezzonico. Alla morte del Cav. Rezzonico, per alterne vicissitudini finanziarie della famiglia, fu acquistata dalla duchessa Maria Visconti di Modrone per poi divenire proprietà nel novecento del conte Genova Thaon di Revel.
Parco Sola Cabiati
Il Parco Sola Cabiati è un antico giardino storico, di derivazione Cinquecentesca, che sorge nel Comune di Gorgonzola, nell'hinterland milanese. Il giardino, oggi parco pubblico, è il risultato dell'evoluzione del paesaggio storico della città.

La sua creazione si deve alla famiglia Serbelloni. Fu infatti Gabrio Serbelloni a volere la costruzione di una residenza di campagna sui possedimenti di famiglia.


Parco di Villa Annoni
Il Parco di Villa Annoni venne probabilmente progettato dallo Zanoia - progettista della Villa - anche se la forma attuale venne raggiunta non immediatamente al termine della costruzione della villa, ma nel corso degli anni successivi.

Il parco di Villa Annoni, che misura 23 ettari di dimensione, si organizza in due grandi spazi: il lato sinistro è occupato dal giardino “all'italiana”, mentre sul lato destro si sviluppa il giardino “all'inglese”.
Villa Grock
Villa Grock è un piccolo “gioiello” sulle colline Imperiesi, abitata, negli anni 1930-1960, dal celebre clown Adrien Wettach, in arte ”Grock”.
Per la costruzione della villa, l'artista scelse il geometra Armando Brignole, ma fu su ispirazione dello stesso Grock che il complesso assunse le sue forme bizzarre ed eclettiche fino a trasformarsi in un vero e proprio “Circo di Pietra”.

Dopo un lungo periodo di degrado Villa Grock, nel 2002, è stata acquistata dalla Provincia di Imperia e restituita al suo antico splendore. Il recupero degli spazi, nel pieno rispetto delle caratteristiche originarie, ne ha rivelato nuovamente la raffinata ricchezza.
Parco di Villa Ormond
Il Parco di Villa Ormond a Sanremo si protende austero e luminoso verso il mare, e da oltre un secolo abbellisce la villa, costruita per volere del commerciante svizzero Michel Louis Ormond nella seconda metà dell'Ottocento.
Luogo d'incontri, di riposo e festose cerimonie, cornice di ricordi e cartolina di un'epoca di mecenati e viaggiatori, oggi è patrimonio di tutti, e mostra l'armoniosa sintesi dell'esperienza e del gusto estetico di botanici, agronomi e paesaggisti che qui piantarono collezioni di palme, alberi e arbusti provenienti da ogni continente, in una sapiente fusione di forme e colori.
Parco delle Terme di Levico
Con i suoi tredici ettari di superficie e un patrimonio arboreo di circa 570 maestosi alberi, il Parco delle Terme di Lévico è il più importante parco storico della Provincia di Trento. La sua storia inizia alla fine del XIX ed è strettamente correlata all'affermazione di Lévico Terme come città termale d'importanza europea.

Il progetto, elaborato dal paesaggista-giardiniere tedesco Georg Ziehl (1873 - 1953), trasforma un'area di campagna, dove parallelamente sorge un grand hotel con centro di cura, in una grande area verde abbellita da specie arboree, un Kurort dove si integrano le cure termali con passeggiate, elioterapia e relax.
Giardino della Rosa
A Ronzone, in alta valle di Non, c'è un giardino che racchiude una ricca collezione dei principali gruppi di rose, le piante che per secoli hanno detenuto, e ancora detengono, un primato di popolarità fra i giardini d'Occidente.

L'area del roseto, immersa fra i prati dell'alta val di Non, in una posizione particolarmente vocata per l'esposizione favorevole, in leggera pendenza e ventilata, senza ristagni di umidità, ospita ora una collezione botanica di rose associate a specie erbacee e rampicanti. Un luogo del bello e un'alternativa alla monocoltura di melo.
Casa Cuseni
Casa Cuseni è stata edificata all'inizio del ‘900 nella parte collinare di Taormina, dal pittore inglese Robert Kitson, divenendo presto un Centro Artistico Internazionale.

Von Gloeden, Alfred East, Albert Liberty, Charles Ashbee, Cecil Hunt, Frank Brangwyn, Charles Baskerville, Pablo Picasso, Salvador Dalì, Henry Moore, Ezra Pound sono solo una parte dei molti altri artisti che qui hanno lasciato le loro opere.

La casa custodisce, tra le sue collezioni, dipinti che testimoniano il Grand Tour inglese in Sicilia e in terra d'oriente e una celebre dining-room, oggi l'unica esistente al mondo, di Sir Frank Brangwyn, uno dei primi decoratori di L.C. Tiffany. L'artista disegnò anche il giardino della villa utilizzando le prospettive ed il paesaggio quali elementi decorativi, divenendo l'Etna ed il golfo di Naxos, un tutt'uno armonioso con la natura.

Newsletter

Iscriviti
Informativa sulla privacy

Grandi Giardini Italiani, in qualità di Titolare del trattamento, ti informa che i dati che fornirai saranno utilizzati solo per trasmetterti via email la newsletter che hai richiesto. Cliccando sul bottone "Iscriviti" autorizzi il titolare del trattamento ad inviarti la Newsletter. Potrai esercitare i diritti previsti all'art. 7 D.Lgs.196/2003 ed in particolare chiedere in qualsiasi momento la cancellazione cliccando sul link apposito presente in ogni Newsletter.