Cerca
Grandi Giardini Italiani
Ricerca nel sito
Cerca un termine in Giardini
Articoli
Grandi Giardini Italiani
TwitterFacebook

TERRAE MOTUS IN CANTIERE

L'esposizione permanente
Da mercoledì 1 giugno la Reggia di Caserta ospita la collezione d'arte contemporanea Terrae Motus voluta dal gallerista napoletano Lucio Amelio, in risposta al tragico sisma del 23 novembre 1980 che devastò la Campania e la Basilicata.

Su sua richiesta numerosi artisti contemporanei come Joseph Beuys, Andy Warhol, Robert Mapplethorpe, Michelangelo Pistoletto, Mimmo Paladino e Jannis Kounellis, di diversa provenienza, risposero all'evento catastrofico attraverso la realizzazione di un'opera, avviando una riflessione sui temi della distruzione sismica e sul contributo che l'arte può dare per ricostruire.

Costituita da più di 70 pezzi, la collezione è stata esposta in diverse mostre temporanee - nella Villa Campolieto di Portici, all'Institute of Contemporary Art di Boston, al Grand Palais di Parigi - prima di essere donata nel 1993 con legato testamentario alla Reggia di Caserta.

La Collezione si snoda nelle sedici stanze del Piano Nobile al primo piano, lungo il salone centrale che nel progetto vanvitelliano doveva ospitare una grande galleria e collegare l'appartamento del Re con quello della Regina, ma che non fu mai completato. È l'ambiente più lungo e con maggior numero di finestrature di tutta la Reggia e misura 500 metri quadri.

Dal 1994 ad ora gran parte di questi spazi erano occupati dall'Aeronautica militare e la collezione di Lucio Amelio veniva esposta nell'appartamento settecentesco, ma in spazi più angusti. La nuova ricollazione è frutto dell'impegno del nuovo direttore della Reggia di Caserta, Mauro Felicori, che si è adoperato per dare alla collezione lo spazio che merita.

Solo a gennaio di quest'anno c'è stato lo storico sgombero degli spazi, occupati dall'Aeronautica militare sin dal 1926, che sono tornati alla loro destinazione museale ed espositiva, inclusa la ricollocazione della collezione di arte contemporanea Terrae Motus.

Terrae Motus, non è una mostra tradizionale, ma un cantiere aperto dell'arte. Alcuni locali sono ancora disadorni, certi allestimenti poggiano su tubolari provvisori, l'esito delle visioni non è univoco ma l'esigenza declarata da Felicori è quella di far crescere l'esposizione su se stessa e di gettare un ponte progettuale verso il futuro espositivo del Palazzo.

In questo scenario in continuo divenire il pubblico potrà ammirare trentasei opere tra le quali: ''Fate Presto'' di Andy Warhol, ''Senza Titolo'' di Keith Haring, ''West-Go Ho'' (Glut) di Robert Rauschenberg, ''Terremoto in Palazzo'' di Joseph Beuys e ''L'altra figura'' di Giulio Paolini.

Newsletter

Iscriviti
Informativa sulla privacy

Grandi Giardini Italiani, in qualità di Titolare del trattamento, ti informa che i dati che fornirai saranno utilizzati solo per trasmetterti via email la newsletter che hai richiesto. Cliccando sul bottone "Iscriviti" autorizzi il titolare del trattamento ad inviarti la Newsletter. Potrai esercitare i diritti previsti all'art. 7 D.Lgs.196/2003 ed in particolare chiedere in qualsiasi momento la cancellazione cliccando sul link apposito presente in ogni Newsletter.